• Il 17 febbraio ritorna a Cutrofiano come ogni anno, da 2 secoli a questa parte, la tradizionale festa di” Sant’Antoni te le focare”, che per i cutrofianese costituisce uno dei momenti di maggior devozione verso il proprio protettore Sant’Antonio da Padova.

    In questa data si ripropone nelle vie del paese, la situazione che si verificò a causa del terremoto nella tragica notte del 1810 , durante la quale i cutrofianesi si riversarono per le strade accendendo dei falò ,con tralci di vigna, per riscaldarsi e per pregare il proprio Santo affinchè li aiutasse e protegesse.

    Nel paese,in questa serata, si contano almeno 40 falò rionali(“focare”) , più un falò centrale in Piazza Municipio che accomuna tutti.

    Il programma della serata che si svolgerà in Piazza Municipio, prevede: alle 18 presso la Chiesa Madre la Messa solenne con panegirico al Santo e alle 18.45 la processione con la seicentesca statua del Santo per le principali vie del paese tra falò e giochi pirotecnici. Si prosegue alle 20.30 in piazza Municipio con accensione della “grande fòcara” a cura della ditta “Francesco Mega”, mentre la banda musicale “Città di Cutrofiano” intratterrà la piazza. Dalle 21, sempre in piazza Municipio, spettacolo di cabaret con “I MALFATTORI” che si alterneranno sul palco alle ore 22 con il gruppo di Pizzica “I CARDISANTI” che faranno gli onori di casa al raduno spontaneo dei tamburellisti e dei danzatori di pizzica.

    La manifestazione è organizzata dall’Amministrazione Comunale guidata da Oriele Rolli, insieme all’assessore alla Cultura Lillino Masciullo e a tutte le associazioni presenti sul territorio.

    Lascia un commento

  • Lascia un commento